Contrassegno telematico per passaporto: cos’è, a cosa serve e come si effettua?

Prima del 2014, per richiedere il passaporto, era necessaria una marca da bollo da 40,29 euro, che in seguito su abolita. Ora è necessaria un’altra marca da bollo, ovvero il contrassegno telematico, dal costo di 73,50 euro, che andrà aggiunta al costo del rilascio del passaporto, ma negli anni successivi non sarà necessario acquistarne un altro.

A cosa serve e dove acquistarla

Questo contrassegno telematico, è necessario per richiedere il passaporto, ed il suo costo non è che un contributo amministrativo ordinario. Chi avesse già un passaporto, con una marca da bollo di 40,29, utilizzata prima del 2014, con il rinnovo del nuovo passaporto può semplicemente aggiungervi la somma integrativa restante, di 33,21 euro.

E’ possibile acquistarla su tutto il territorio nazionale, nelle tabaccherie o a qualunque rivenditore di queste marche. Una volta acquistato, l’importo verrà versato in automatico al Mistero dell’Economia e delle finanze.

Come richiedere il passaporto

Questo contrassegno, secondo la legge, è necessario per richiedere il passaporto, presso un ufficio della Polizia di Stato. A questa marca, vanno aggiunti:

  • un modulo di richiesta per il passaporto;

  • un documento d’identità valido, ed una sua fotocopia;

  • due foto formato tessera, del tutto identiche;

  • una ricevuta dell’acquisto del contrassegno, la cui causale deve specificare che il suo acquisto è avvenuto per la richiesta del passaporto.

Dal 2010, questo passaporto è dotato di un microchip, inserito nella copertina, che contiene dati anagrafici, impronte digitali e foto del titolare. Nella seconda pagina di questo libretto vi è un firma digitalizzata, fatta eccezione per i minori dei dodici è chi è nell’impossibilità di apporre una firma digitale (per analfabetismo o per problemi fisici).

Il passaporto è necessario per viaggiare in paesi al di fuori dell’Europa, ed è valido per dieci anni, al termine dei quali andrà rinnovato. In media, il rilascio del passaporto avviene in un arco di tempo che varia dai due ai venti giorni, e viene rilasciato dalle questure, dai commissariati o dalle stazioni dei carabinieri. Nel caso che si soggiorni all’estero, si può richiedere presso i consolati o gli uffici diplomatici.

Quando non viene rilasciato

Questo documento, tuttavia, non viene rilasciato se non si rientra in alcuni criteri stabiliti dalla legge, in particolare a:

  • minorenni o persone sottoposte sotto la tutela di un genitore o tutore, che necessitano del permesso, e quindi della firma, del proprio genitore o tutore, per poter viaggiare;

  • genitori con figli minorenni, che necessitano della firma di un coniuge o di un giudice tutelare;

  • chi ha precedenti penali, e si ritrova con delle pene restrittive, come gli arresti domiciliari, o che non hanno pagato una multa.

E’ necessario essere sicuri di essere in possesso di tutti i requisiti per ottenere il passaporto, prima di acquistare un contrassegno telematico, dato che quest’ultimo non è rimborsabile.

You May Also Like